SARDEGNA – Contributi per le istituzioni bibliografiche private, al via le domande

Assessorato regionale della Pubblica istruzione comunica che entro il 12 luglio 2017 è possibile presentare le domande relative ai contributi per la costituzione, il funzionamento dei centri e delle istituzioni bibliografiche private.
Destinatari:
Organismi privati proprietari di biblioteche
Requisiti:
La biblioteca per cui è richiesto il contributo deve essere integrata con strutture pubbliche e deve possedere le seguenti caratteristiche (requisiti biblioteconomici):
– orario di apertura dei servizi agli utenti di minimo 6 ore settimanali dopo le ore 14;
– offerta dei servizi di consultazione, anche non assistita, e di prestito locale ed interbibliotecario;
– presenza di personale qualificato;
– disponibilità di almeno una linea telefonica abilitata alla fonia e al collegamento con Internet;
– esistenza di una convenzione con un Ente od organismo pubblico.
L’organismo richiedente deve, inoltre, aver disposto un proprio stanziamento per il sostegno dell’attività della biblioteca.
Sulla base dei dati raccolti, principalmente attraverso i questionari sulla funzionalità del servizio, ad ogni struttura sarà attribuito un punteggio così articolato:
– qualità della raccolta (40%);
– qualità dei servizi al pubblico (35%);
– stanziamento proprio (25%).
Le spese ammissibili sono quelle relative ad investimenti (acquisto di arredi ed attrezzature, anche informatiche, specificatamente destinate all’uso in biblioteca; attività di promozione della lettura e del servizio; acquisto di cancelleria speciale; acquisto di materiali documentari quali libri, periodici, audiovisivi, cd-rom, canoni di connettività a reti, abbonamenti a servizi informativi e documentari telematici…).
Ulteriori spese, purché adeguatamente motivate, potranno essere incluse nel finanziamento in seguito a verifica ispettiva.
Il contributo non potrà, invece, coprire le spese di gestione ordinaria del servizio (spese per il personale; spese per energia elettrica, riscaldamento, telefono, fax, pulizie; spese per l’acquisto di cancelleria generica; spese per affitti e manutenzione di attrezzature), le spese infrastrutturali (costruzione, ristrutturazione o adeguamento della sede), le spese per iniziative culturali che non rientrano nelle finalità proprie della biblioteca e le quote di partecipazione ad un sistema bibliotecario o ad altre forme di cooperazione.
Le domande dovranno pervenire attraverso una delle seguenti modalità:
– tramite Pec all’indirizzo pi.benilibrari@pec.regione.sardegna.it
– tramite consegna a mano o invio per raccomandata a/r a uno dei seguenti indirizzi dell’Assessorato Pubblica Istruzione – Direzione Generale dei Beni Culturali – Servizio Beni Librari e Documentari, Biblioteca e Archivio Storico:
– Sede di Sassari: viale Umberto 72, 07100 Sassari;
– Sede di Cagliari: Viale Trieste 137, 09123 Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − 5 =